|  Home Page  |  Il programma  |  Luigino Ciotti |  Incontri  |  Stampa  |  Le avventure di Ciottix il Gallico  |



Un'altra politica è possibile, anche in Umbria


LUIGINO CIOTTI


Pensare veramente che un altro mondo è possibile

Luigino Ciotti



Luigino Ciotti, che compirà 50 anni nel prossimo mese di agosto, pratica da 30 anni, in Umbria e fuori di essa, la ricerca di come pensare veramente un “altro mondo è possibile”.
La sua storia, di persona e di uomo impegnato nella politica, testimonia che è possibile agire concretamente nella promozione della pace, nella difesa dei diritti umani, nella costruzione di una nuova consapevolezza dei veri rapporti tra Nord e Sud del Pianeta. É su questi contenuti che ha costantemente riproposto al Partito della Rifondazione Comunista (del cui direttivo regionale è componente dal 1991) di compiere un salto di qualità nella elaborazione politica e amministrativa.

Dal 1991 in qua con l’attività del Circolo Primomaggio –di cui è presidente- ha fatto incontrare missionari, scrittori, perseguitati politici, attivisti dei diritti umani con un numero crescente di persone curiose di sapere come vanno effettivamente le cose di questo mondo: Alberto Granado, Aleida Guevara, Alex Zanotelli, don Luigi Ciotti, Vittorio Agnoletto, Gianni Minà, Frei Betto (teologo brasiliano - Pro Civitate Christiana Assisi), Haidi Giuliani, Riccardo Petrella, Fabio Alberti (Un ponte per…), Mario Capanna, Flavio Lotti, Raniero La Valle, Serse Cosmi, Giovanni Impastato, padre Javier Giraldo, Alberto La Volpe, padre Jean Marie Benjamin, Nemer Hammad (rappresentante dell’Autorità palestinese in Italia), Giulietto Chiesa

L’attenzione di Luigino ai rapporti Nord – Sud si è ulteriormente rafforzata dopo aver partecipato al Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre: nel 2001 ha diretto la commissione pace, relazioni internazionali e cooperazione del PRC.
Il tutto confermato con il Forum Sociale Europeo di Firenze del novembre 2002 e Luigino Ciotti si è anche occupato di due progetti di cooperazione internazionale, finanziati con i fondi raccolti dal Circolo Primomaggio: a Cuba nella provincia di Gramna e in Colombia a sostegno delle Comunità di Pace del Chocò e dell' Urabà.

È attualmente consigliere comunale a Bastia Umbra, eletto per il terzo mandato consecutivo. Il primo (nel 1995) lo ha svolto da assessore al bilancio – sviluppo economico, politiche giovanili e sport.
Di quel ruolo da rimarcare:

  • L’esperienza di venti ragazzi e ragazze della consulta giovanile che, utilizzando fondi dell’Unione Europea destinati agli scambi culturali, hanno avviato un “gemellaggio” con i loro coetanei di Berlino e Gallivare (Svezia), città sopra il circolo polare artico.
  • La costruzione di due scuole in Africa (a Wahable in Burkina Faso e a Kasumo in Tanzania insieme alla Caritas diocesana di Assisi – Gualdo Tadino – Nocera Umbra

Per Luigino Ciotti che attualmente lavora alla Provincia di Perugia (Coordinamento Nazionale Enti Locali per la Pace e Diritti Umani e Tavola per la pace) la candidatura al Consiglio regionale serve a mettere in risalto il suo ruolo di sollecitatore anche in Umbria per nuove sensibilità. Quelle che in molte altre regioni italiane stanno generando modificazioni nel profilo della politica: il movimento dei nuovi municipi, il contratto mondiale per l’acqua, l’educazione alla pace.

In caso di elezione (nel 1995 è stato il primo dei non eletti nella circoscrizione provinciale di Perugia con 626 preferenze) Luigino Ciotti (oltre al 50% destinato alle casse del Partito) si impegna a versare il 20% dell’indennità di consigliere (attualmente di circa 6000 euro complessivi ogni mese) a progetti di cooperazione decentrata: il denaro verrà versato mensilmente in un conto corrente della Banca Etica gestito da un comitato di garanti indicati da 5 delle più grandi associazioni presenti in Umbria: Caritas regionale, Vanessa Pallucchi (presidente Legambiente Umbria), Don Achille Rossi de L'AltraPagina, Botteghe del Commercio Equo e solidale.




UN'ALTRA POLITICA E' POSSIBILE, ANCHE IN UMBRIA